Scarica E Guarda

Scarica E Guarda

FILM LA BEFANA VIEN DI NOTTE SCARICARE

Posted on Author Takasa Posted in Film


    TRAMA LA BEFANA VIEN DI NOTTE: La Befana vien di notte, il film diretto da Michele Soavi, racconta la storia di Paola (Paola Cortellesi), una maestra di. La befana vien di notte in streaming senza pubblicità e in alta definizione. La befana vien di notte, il film diretto da Michele Soavi, racconta la storia di Paola ( Paola Cortellesi), una maestra di scuola Download in HD. Host. Film / Commedia – DURATA ′ – Italia. La Befana vien Scarica La Befana vien di notte alla massima velocità palestrina.infot. Guardare il. - Film La befana vien di notte Streaming gratis cineblog. La befana vien di notte film Streaming e Scaricare in altadefinizione.

    Nome: film la befana vien di notte
    Formato:Fichier D’archive (Film)
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file: 40.29 MB

    Legend of the Christmas witch trailer sub eng from Gaetano Maiorino on Vimeo. Nicola Guaglianone. Nicola Pecorini. Massimo Santomarco. Ornella Campanale , Marina Campanale. Andrea Occhipinti. True Colours - Glorious Films [Italia].

    Soavi invece si diletta ad inventare inquadrature da fumetto che danno al film una dimensione surreale. Le perplessità riguardano l'esilità della trama, ben lontana dalla complessità dei migliori film per famiglie americani, e il target cui La befana vien di notte si rivolge. Infatti, pur avendo buona parte dei giovani protagonisti un'età da scuola media anche se dovrebbero frequentare le elementari , non sembrano possedere l'eloquio dissacrante e l'attitudine ipercritica dei loro coetanei, abituati più alle serie americane come Stranger Things che alle sitcom italiane.

    Gli under 10, probabilmente, staranno più volentieri al gioco. Un fantasy per famiglie tutto italiano. Scritto da Nicola Guaglianone e diretto da Michele Soavi, vede protagonista Paola Cortellesi nei duplici panni della maestra Paola di giorno e della Befana la notte.

    Una metamorfosi che avviene ogni giorno a mezzanotte in punto, da sempre, rendendola immortale ma anche 'mortalmente' condannata a un'esistenza di segreti e omissioni, in cui è difficile trovare spazio per la vita privata.

    Quando mi hanno proposto questo personaggio mi ripetevano 'Puoi farlo solo tu, sei tu, sei tu Paola Cortellesi. I primi cinque minuti del film sono assai suggestivi e inquadrano al meglio il personaggio. Con le tipiche scarpe rotte, a bordo di una scopa pazzerella che minaccia di licenziare e con un naso esageratamente adunco, la Befana fa il suo giro di consegne sfrecciando in volo tra comignoli e tetti.

    Vestita di stracci e con un cappellaccio addosso, distribuisce caramelle e carbone ai bambini che dormono, finché un cagnolino non le strappa un pezzetto del suo inseparabile taccuino. È l'inizio della fine: per la prima volta nella sua vita la Befana manca una consegna. E quel bambino infelice che non troverà nulla da scartare le giurerà vendetta e, da grande, assumerà le sembianze di un cattivo più ignorante che crudele Stefano Fresi, allergico alle buone maniere come alla consecutio temporum.

    Esilarante il non rapporto tra Befana e Babbo Natale, di cui non solo non è la compagna ma ne è la prima convinta detrattrice, tacciandolo di maschilismo: laddove lui viaggia a bordo di una comoda slitta trainata da renne con un elegante costume addosso ed è testimonial della bevanda più famosa al mondo, lei si ritrova tra scopa, stracci, e senza mezza proposta pubblicitaria "neanche di un lassativo".

    La sua fortuna è essere una maestra di giorno: saranno proprio i suoi piccoli quanto intelligenti alunni a salvarla perché, conclude Cortellesi, "alla maestra si vuole sempre un gran bene, se poi è la Befana ancora di più".

    Sicuramente uno dei film peggiori che io abbia mai visto, non capisco come sia stato possibile concepire un qualcosa di tale stupidità e insensatezza. Iniziamo subito, come da titolo, a sgombrare il campo da pericolosi equivoci, equivoci nei quali sono caduto anche io: si tratta di un film per bambini, al limite per ragazzini-ini-ini, dato che già un 15enne si stuferebbe dopo la prima mezz'ora.

    Io purtroppo mi ero fidato della presenza della simpatica Paola Cortellesi, e mi illudevo di potermi fare quattro risate. Il film in questione appartiene al genere fantasy o piuttosto fiabesco, ed ha un merito: finalmente un film italiano e non USA natalizio nelle sale cinematografiche. Trent'anni fa c'erano i Goonies che andavano in cerca del tesoro di Willy l'orbo. Bellissimo film, uno dei più belli che ricordo della mia infanzia.

    I ragazzini di oggi invece sono molto meno fortunati di me e devono sorbirsi al cinema questo pseudo remake all'italiana dove un gruppo di bambini cerca di salvare la Befana dal cattivo Mr. Non ho altri termini per definire questo film dalle aspettative divertenti ma dai risultati pessimi : trama, recitazioni, coinvolgimento, battute.

    Film di una rara stupidità. Sicuramente nella top ten dei peggiori film che abbia mai visto in tutta la mia vita.

    IlCorSaRoNeRo

    Nota : una critica che sborda addirittura nelle 3 stelle denota la propria natura di asservimento alle case cinematografiche. Sono andata al cinema con la mia famiglia pensando di farmi due risate per la presenza della cortellesi, ma sinceramente è stato un film penoso tanto da uscire a metà.

    Non capisco come si possano produrre certe cose. C'è chi dice che la Cortellesi dovrebbe chiedere scusa? Per caso obbliga qualcuno a presentarsi al botteghino? D'obbligo è solo l'invito, se poi ti aspetti dal cast un capolavoro, son problemi vostri.

    E' grazie ai vostri ingressi che continuano a sperperare in fesserie. Cortellesi in un ruolo, contraddittoriamente, non principale. Uno spreco Dopo il bollino rosso, ci dovrebbe essere il bollino nero "vietata la visione ad un pubblico maggiore di 3 anni, capace di intendere e di volere e che abbia almeno frequentato il primo mese di scuola dell'infanzia" E detto questo, credo non ci sia Molto altro da dire.

    Film di una noia spiazzante, dopo 20m si ha già voglia di abbandonare la sala. Fresi è ridicolo all'inverosimile, stupido e senza senso. Una trama che non sta in piedi nemmeno con i ganci. La cortellesi, che ho apprezzato per altre produzioni, qui è molto sotto tono. Sti sei ragazzini che vanno a cercare la befana, mancano di casa per 2 gg e i genitori non se ne preoccupano [ È stato qualcosa di orribile!

    Non so come abbiano fatto a fare una critica diversa e dare più stelle. Il film è lento, insensato, i momenti di humor giusto quelli del trailer, la storia non è credibile, il film non è incentrato sulla Cortellesi ma ben si sulla storia di 6 ragazzini che devono trovarla anche molto goffamente! Vi assicuro soldi buttati al vento, nemmeno a casa da vedere! Ma che se po' chiama film questo?? Ma no schifo terificante. Costringe famiglie, bambini, adulti e non ad abbandonare ogni sala senza riuscire a finire un finale probabilmente pietoso.

    Conosci Carta Più e MultiPiù?

    A paolé ma che ce combini? Perche [ Non so come si faccia a proporre un film del genere. Per gli audulti è assolutamente fuori luogo, per i piccoli ancor peggio. Senza capo ne coda e non capisco come la Cortellesi abbia potuto accettare una parte del genere con una trama del genere. Quanto di peggio abbia mai visto al cinema. Da vergognarsi a proporre una cosa del genere. Detto questo, mi sento vivamente di sconsigliare la visione [ Uno dei peggiori film visti.

    Forse il peggiore. Forse non è nemmeno un film. E se il pubblico a cui doveva essere indirizzato era quello dei più piccoli, ancora peggio. Non è un film ne per adulti ne per bambini ai quali deve essere proibita la visione.

    Uno dei peggiori film che io abbia mai visto. Come minimo dovrebbero devolvere l'incasso totalmente in beneficenza. Spero che la Cortellesi torni da Fazio a chiedere scusa. Contavamo molto sulla Cortellesi Nemmeno i ragazzini lo hanno apprezzato. Sconsigliamo la visione. L'unica parte "salvabile" del film Come chiamarla?!

    Film insulso, anti educativo, recitazione da saggio di fine anno e neanche troppo riuscito. Perfino Paola Cortellesi estremamente al di sotto delle aspettative.

    Non sprecate i vostri soldi! Voto 0. Storia mal costruita, poteva essere gestita meglio e soprattutto avere una vera conclusione e non un finale che lascia mille interrogativi. Recitazione mediocre e sopratutto linguaggio inadeguato al pubblico cui il film è rivolto! In conclusione, molto scadente ed è meglio non spendere per vederlo al cinema.

    Una vera delusione eppure dal trailer sembrava carino Regia, fotografia e recitazione a dir poco scandalose. Probabilmente gli allievi del corso di cinematografia avrebbero fatto di meglio.

    Peccato per Paola Cortellesi che solitamente fa film migliori. Ci aspettavamo un film brillante e ironico sulla figura della Befana, come avevamo letto dalle critiche, dai trailers, ecc.

    Il film è stato una grande delusione. Trama sconclusionata, senza un'anima di fondo, solo effetti speciali e nient'altro. Ma sopratutto assolutamente inadatto ai bambini: scene [ Non è un film per bambini under Il film piu assurdo mai visto. Spiace che la Cortellesi si sia prestata a una roba del genere.

    Il film piu' brutto che abbia mai visto e ne ho visti di brutti , i 2 attori principali utilizzati come specchietti per le allodole , vedi i vari passaggi da Fazio e Amadeus senza una trama , recitazione approssimativa inguardabile!!!!

    Che tristezza!!!!! Pessimo pessimo pessimo Film senza senso e senza trama. Recitazione dei bambini non coinvolgente. Soldi buttati via. Atteso il finale solo per vedere se migliorava ma invece è precipitata. Solo perchè si tratta di un film dichiaratamente per bambini non vuol dire necessariamente banalità, storia inconsistente, recitazione di scarsa qualità.

    I riferimenti al cinema anni 80 come ad esempio i Goonies non fanno altro che rimarcare un confronto impietoso.

    Come da titolo: pessimo. Sconsigliatissima la visione. Incomprensibile il giudizio della critica. Ero terrorizzato dalle ingiurie e espressioni molto critiche nei confronti degli attori e della regia.

    Devo dire che i bambini si sono divertiti, non nascondo che anche a noi adulti non [ L'idea di Michele Soavi non era male, ma purtroppo i mezzi sono quelli che sono ed il risultato non è soddisfacente. Per i quarantenni che ricordano alcuni film di Spielberg degli anni Ottanta, non sarà difficile notare l'impronta in stile Goonies di questa storia in cui il regista racconta le imprese di un grupopo multietnico di ragazzini che ricalcano le caratteristiche psico-somati [ Davvero pessimo sotto tutti i punti di vista La Cortellesi ha tradito tutte le aspettative.

    Me ne stavo andando dopo il primo tempo. In sala bambini non ce ne erano ma penso che neppure un bimbo di 5 anni avrebbe retto a tanta spazzatura. Non è divertente ha una trama assurda e stupida.. Ci sono film per bambini che fanno emozionare anche gli adulti, questo decisamente no.

    Ho visto uscire ragazzini dalla sala anzi tempo. Giudizio personale : sconsigliatissimo! In assoluto la "cosa" più brutta,insulsa,immotivata e priva di gusto che io abbia mai veduto. Non a caso non l'ho definita "film"Strano che Paola Cortellesi,ottima attrice già apprezzata in altre occasioni,abbia accettato ruolo e trama similiGuido F. A mio parere i messaggi che questo film trasmette sono antieducativi, bambini protagonisti che dicono continuamente parolacce, avventure pericolosamente imitabili e ambientazione noir scadente che non lascia assolutamente nè un buon ricordo, nè un ambiente fiabesco come dovrebbe essere quello della befana.

    Qualche lacuna nella trama che a mio avviso poteva essere fatta meglio.

    [MegaTube-ITA] ”La Befana vien di notte” Film Completo Streaming HD

    Ennesimo cinetorrone natalizio Peccato non si possa dare mezza stella! Film, molto carino. Lancia un bel messaggio. Come Batman o Spider Man, anche la Befana ha un'identità segreta. Di giorno è Paola, insegna nella scuola di un pittoresco paese dell'Alpe di Siusi e somministra ai ragazzini moderate dosi di educazione civica.

    Dopo la mezzanotte si trasforma nella Befana, con relativi nasone, scopa volante e acciacchi assortiti. Le sta sul gozzo Babbo Natale, sponsorizzato dalle bibite e molto più popolare di lei, [ Tra le motivazioni che spingono i registi a fare un film ce ne sono di nobili e d'ignobili, di profonde e di fortuite, di poetiche e di economiche, ma la peggiore è forse quella di "volere divertirsi a girare con gli amici".

    L'esperto Veronesi avrebbe dovuto saperlo prima di dar vita a un'impresa da cinque milioni di euro di budget che anche a causa del goliardico proposito si traduce in un mezzo disastro: [ Se la commedia ha le scarpe rotte, chi arriva a mettere le toppe? Il fantasy, l'avventura, l'epica: Moschettieri del re, La Befana vien di notte, Il primo re.

    Sarà che il Belpaese è ormai "insatirizzabile"; sarà che Zalone manca da un po'; allora tanto vale astrarsi e distrarsi, riscoprendo il genere. A ridosso dell'Epifania, viene rapita da un misterioso produttore di giocattoli.

    Il suo nome è Mr. Johnny e ha un conto da saldare con Paola che, il 6 Gennaio di vent'anni prima, gli ha inavvertitamente rovinato l'infanzia Sei compagni di classe assistono al rapimento e dopo aver scoperto la doppia identità della loro maestra decidono di affrontare, a bordo delle loro biciclette, una straordinaria avventura che li cambierà per sempre.

    Tra magia, sorprese e risate, riusciranno a salvare la Befana? La Befana vien di notte prende il titolo da una filastrocca che tutti i bambini italiani conoscono e che ha ben tredici versioni. In ognuna delle varianti, comunque, la collega di Babbo Natale compie i suoi viaggi di consegna regali nell'oscurità, in modo che nessuno la possa notare. E sempre illuminata solo dalle stelle vola sopra i tetti anche la donna dai porri sul viso, dal naso storto e dal cappello sulla testa che Paola Cortellesi ha accettato di interpretare nel film di Michele Soavi.

    L'attrice ha aderito con entusiasmo al progetto innanzitutto perché il fantasy è un genere assai poco frequentato in Italia , e poi perché La Befana vien di notte è una piccola storia di formazione per ragazzi , da gustare, come dice lo sceneggiatore Nicola Guaglianone, "magari sul divano di casa con il plaid scozzese, la cioccolata calda e i biscotti".

    Paola si è dovuta infatti cimentare in acrobazie e ha avuto bisogno della consulenza di alcuni coordinatori di stunt.

    Il film, non a caso, presenta un notevole livello di complessità e Soavi è ricorso ad effetti digitali, anche se non ne ha abusato, visto che fin dal principio era sua intenzione fare un cinema non finto e ultra-contemporaneo ma "classicamente" artigianale, in grado di mescolare il realismo con il fantastico e perfino il gotico.

    Il regista e lo sceneggiatore, inoltre, desideravano dare al loro family-movie un tocco anni Ecco perché si sono inventati un manipolo di ragazzini in bicicletta che sono certamente un riferimento a E.

    Se là il simpatico attore faceva la parte di un buono, qui è decisamente il villain della storia. Con una maglia a righe che ricorda Pinco e Panco di Alice in Wonderland in alcune scene, e una giacca gallonata in altre, e con la barba lunga raccolta in una treccia, ha certamente qualcosa dei cattivi da fumetto, a cominciare dal nome, Mr.

    Purtroppo questo bel messaggio a volte offusca i personaggi. Carola Proto - Comingsoon. Dal Trailer del Film La Befana vien di notte :. Home Film. Serie TV. Serie TV Homepage. TV Homepage. Star Homepage. Streaming Homepage. Trova Cinema. Vai a tutti i Film al cinema Ora al cinema. News Film Tutte le novità del cinema.

    Safe House: Daniel Espinosa, Denzel Washigton, il waterboarding fatto sul serio e le liti con la produzione. Anteprima Watchmen: Scopriamo la nuova serie tv di Damon Lindelof basata sul celebre fumetto. Chi l'ha visto? Tutto sul caso di stasera Vai al Trova Cinema Film di questa settimana.

    Vai al trova Streaming Le ultime novità. Vai alla guida TV Film ora in onda. La Befana vien di notte La befana vien di notte. Voto del pubblico.


    simile